Trânsitos, migrações e circulações: a Itália e o italiano em movimento
Homenagem aos 150 anos de nascimento de Luigi Pirandello
Homenagem aos 60 anos de falecimento de Giuseppe Tomasi di Lampedusa

Universidade Federal do Rio de Janeiro – Rio de Janeiro
23 a 27 de outubro de 2017

 

Website

Programm

 

"Dal centro al cerchio , e sì dal cerchio al centro » Canone e anticanone nella tradizione linguistica e letteraria"

8 - 9 marzo 2018

GIORNATE DI STUDI DOTTORALI DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI DELL’UNIVERSITA’ DEGLI STUDI ROMA TRE

 

http://www.infoaipi.org/news_17/Giorn_dottorali_2018.pdf

 

 

Events 2017-2018 of the Department of Italian

Source: http://italian.columbia.edu/colloquia-and-seminars/italian-and-mediterranean-colloquium/events-2017-2018

PDF: THE_ITALIAN_AND_MEDITERRANEAN_COLLOQUIUM [PDF]

Fall 2017

SEPTEMBER 28, THURSDAY, 6 pm, Schapiro Center for Engineering & Physical Science Research, Room 415

Simone Brioni (Stony Brook University)

What is a 'Minor' Literature? Somali Italian Literature and Beyond

Respondent: Madeleine Dobie (Columbia University)

Moderator: Pier Mattia Tommasino (Columbia University)

...weiterlesen "THE ITALIAN AND MEDITERRANEAN COLLOQUIUM of the Columbia University in the City of New York"

Editore: Rizzoli
Collana: Scala italiani
Anno edizione: 2017
Pagine: 527 p., Rilegato

Roma, agosto 2010. In un vecchio palazzo senza ascensore, Ilaria sale con fatica i sei piani che la separano dal suo appartamento. Vorrebbe solo chiudersi in casa, dimenticare il traffico e l’afa, ma ad attenderla in cima trova una sorpresa: un ragazzo con la pelle nera e le gambe lunghe, che le mostra un passaporto. «Mi chiamo Shimeta Ietmgeta Attilaprofeti» le dice, «e tu sei mia zia.» All’inizio Ilaria pensa che sia uno scherzo. Di Attila Profeti lei ne conosce solo uno: è il soprannome di suo padre Attilio, un uomo che di segreti ne ha avuti sempre tanti, e che ora è troppo vecchio per rivelarli. Shimeta dice di essere il nipote di Attilio e della donna con cui è stato durante l’occupazione italiana in Etiopia. E se fosse la verità? È così che Ilaria comincia a dubitare: quante cose, di suo padre, deve ancora scoprire? Le risposte che cerca sono nel passato di tutti noi: di un’Italia che rimuove i ricordi per non affrontarli, che sopravvive sempre senza turbarsi mai, un Paese alla deriva diventato, suo malgrado, il centro dell’Europa delle grandi migrazioni. Con Sangue giusto Francesca Melandri si conferma un’autrice di rara forza e sensibilità. Il suo sguardo, attento e profondissimo, attraversa il Novecento e le sue contraddizioni per raccontare il cuore della nostra identità.

https://img2.libreriauniversitaria.it/BIT/300/586/9788825505863.jpgIl volume consiste in una raccolta di saggi che analizzano la letteratura italiana del "secolo breve" attraverso l'approfondimento di autori considerati "minori" o di opere meno studiate di scrittori ormai integrati nel canone contemporaneo. Al secondo gruppo appartengono gli scritti africani di Dino Buzzati, il romanzo "Suo marito" di Pirandello, la produzione in versi di Elsa Morante, le esperienze dell'ultimo Marinetti, l'attività di traduttore di Sandro Penna. Al primo gruppo lo scrittore Arnaldo Cipolla, l'opera narrativa di Fausto Maria Martini, e in parte anche "Mani vuote" di Saverio Strati, testo spesso travisato dalla critica. L'idea è di riflettere sulla costituzione di un canone letterario e sulle motivazioni della presenza o meno di questi testi all'interno del Novecento letterario italiano.

https://www.libreriauniversitaria.it/marginalia-autori-opere-margini-novecento/libro/9788825505863

L’età delle parole è un non detto delle nostre letterature. Nella poesia, rigonfiano le loro cellule avvizzite. Le parole si nutrono di altre parole. Nel Museo delle relazioni interrotte (LietoColle), la raccolta di Mia Lecomte, ogni poesia è figlia di una suggestione, il gioco delle relazioni si snoda tra luoghi e cifrari. Sconfinando, calpestando i solchi di altri passaggi. Modera l’incontro Isabella Camera d’Afflitto.

  • Archivio storico comunale, Palermo
  • 05.10.2017 17h

Le ininterrotte relazioni della parola